Loading...

Perché è un danno non fare un film quando lo devi fare; come un quadro si fa in quanto passaggio a un successivo quadro, altrettanto è con i film, ed è mostruoso questo pestar l’acqua nel mortaio.

Davvero si arrossisce continuando a ripetere per anni il nome di un film che si ha nel cassetto, e credo seriamente che questo costituisca sempre una remora spirituale.

(lettera del 15 dicembre 1960)

Cesare Zavattini

Due giorni di follia

Un giorno di follia, Bellissimo, Innamorata pazza, Amore a Napoli, 2 ore di follia
1971
Cesare Zavattini

Chi arriva primo?

1950
Cesare Zavattini

Mexico Mio

1955
Cesare Zavattini, Giacomo Gentiluomo, Anton Giulio Maiano, Domenico Meccoli

L’ultimo eroe

1936
Cesare Zavattini

Le bambole

1956
Cesare Zavattini

Un tentativo

1968